LA STIMA DEL CONSUMO CALORICO NEL CICLISMO – parte 1

 

NOTA: il presente articolo, redatto dal sottoscritto, è edito in forma integrale dal sito www.albanesi.it che ne detiene i diritti.

Tyerney brothers Granfondo NY

La stima del consumo calorico del ciclismo è influenzata da questi parametri:

  • Durata dello sforzo: ovviamente più si protrae, maggiore è la necessità energetica.
  • Peso dell’atleta: maggiore è il peso, più energia è necessaria per raggiungere e mantenere la velocità.
  • Intensità della pedalata espressa come potenza media: in passo calcolata in modo teorico e attualmente misurabile con buona precisione attraverso l’uso dei misuratori di potenza.
  • Efficienza metabolica individuale: dipendente da fattori biologici come distribuzione delle fibre muscolari (lente ossidative – intermedie – veloci glicolitiche), densità mitocondriale, capillarizzazione muscolare,
  • Efficienza tecnica individuale, ovvero l’abilità nel condurre il mezzo meccanico, la rotondità della pedalata, la gestione mentale dello sforzo, la rilassatezza nei distretti muscolari meno coinvolti.
  • Peso ed efficienza del mezzo meccanico: in questo caso un mezzo più performante, leggero, aerodinamico e biomeccanicamente adatto alle caratteristiche del ciclista permette di consumare meno a parità di performance.
  • Tipologia del percorso o della gara: si riscontrano notevoli differenze nei consumi tra prove con e senza scia (gara in linea o a cronometro), presenza di salite, presenza di vento in direzione favorevole o sfavorevole, superficie (liscia in pista, accidentata come il pavé).

Per costo netto si intende l’energia spesa per spostare il corpo e la bici per il tempo dello sforzo, escludendo il metabolismo basale, quello per i processi digestivi in itinere e quello di recupero post esercizio (Epoc).

Esso si può calcolare molto più facilmente da quando si è diffuso l’uso dei misuratori di potenza che,  attraverso il calcolo dei watt generati dalla spinta sui pedali, riunisce in un solo dato i parametri di durata, peso dell’atleta e del mezzo, intensità di pedalata, tipologia di percorso.

Il dato fondamentale da considerare è la Potenza Media (PM) dell’intero allenamento o gara.

Ricordiamo che la potenza si misura in Watt (W) ed esprime il lavoro nell’ unità di tempo:

Schermata 2018-09-07 alle 00.06.49

Moltiplicando la potenza media per i secondi di sforzo si ottiene il lavoro svolto, espresso in Joule (1 J= 1 Newton x 1 m).

Esempio generico

PM: 200 W

Durata: 60 minuti = 3.600 secondi

200 x 3.600 = 720.000 Joule = 720 Kjoule

1 kcal (chilocaloria) equivale a 4.186 Joule (4,186 Kjoule)

720.000/4.186= circa 172 kcal

Questo valore mostra il lavoro che gli organi di trasmissione hanno subito, ovviamente con l’approssimazione data dalla precisione del mezzo di misurazione (intorno +-2,5%).

Il costo energetico però deve considerare il “rendimento”  (η)  della macchina umana in quel tipo di sforzo, ricordando che per il 1° principio della termodinamica, l’energia totale nelle trasformazioni rimane invariata ma una parte può essere scambiata (in un certo senso dispersa) con l’ambiente sotto forma di calore.

η % = (Lavoro eseguito/Spesa calorica) x 100

Varie fonti, in base allo strumento di misura e alla modalità sperimentale indicano percentuali diverse. Nel ciclismo è stata calcolato un rendimento variabile tra 18 e 26%.

Poniamo, in questo esempio che l’efficienza sia del 20%.

Le 172 kcal dell’esempio, sono perciò 1/5 della spesa calorica totale di esercizio che quindi sarà:

172:20=Spesa calorica :100

Spesa calorica: 17.200/20=860 kcal oppure 172×5=860 kcal.

Ovviamente in base all’efficienza individuale del ciclista la stessa pedalata avrà un costo variabile tra 955 kcal (efficienza del 18%, atleta di basso livello) e le 661 kcal (efficienza del 26%, atleta evoluto).

NOTA BENE: con una veloce approssimazione e saltando un passaggio nel calcolo, stabilita per praticità l’efficienza al 25%, ovvero ¼, si noterà che vi è una relazione di vicina a 1:1 tra Kjoule di spesa netta e Kcal di consumo calorico (4.186/4×1000=1,046).

Nell’esempio sopra riportato, della durata di un’ora, i 720 Kjoule con buona approssimazione equivarranno ad un consumo calorico totale dell’esercizio di 720 kcal.

Questo sistema di conversione è utilizzato dai principali software di analisi dati (Garmin, Strava).

Annunci

Vademecum sul regolamento Fitri utile per affrontare il tuo primo triathlon

ECCO UN VADEMECUM DI BASE PER EVITARE DI INCORRERE IN AMMONIZIONI  E SQUALIFICHE DURANTE UN TRIATHLON SPRINT

preparazione atletica personalizzata

ECCO UN VADEMECUM DI BASE PER EVITARE DI INCORRERE IN AMMONIZIONI  E SQUALIFICHE DURANTE UN TRIATHLON SPRINT

ZONA CAMBIO

-Presentarsi entro l’orario stabilito dal regolamento (apertura zona cambio), i ritardatari non sono ammessi.

-Si entra con pettorale in vita, casco allacciato, bicicletta a mano, numero scritto in verticale su un braccio e sulla gamba opposta, chip e solo un piccolo zaino con le cose da riporre alla propria postazione.

-Si sistema la bici con il manubrio rivolto in avanti, agganciata per la sella sopra il numero di pettorale assegnato. Il pettorale, con il suo elastico dovrà essere posizionato tra le leve dei freni, in vista. Le scarpe da corsa e da bici devono essere lasciate dal lato della catena, sotto la bicicletta e qui andranno riposti anche la muta (se usata), cuffia e occhialini.

-Vietato intralciare gli avversari con i propri oggetti.

-Vietato contrassegnare il proprio posto in qualsiasi modo, quindi memorizzare bene la posizione.

-Eventuali prolunghe non possono superare in lunghezza la linea dei freni e devono essere collegate tra loro in modo rigido, chiuse anteriormente.

-Assolutamente vietato circolare in bici dentro la zona cambio.

-E’ possibile uscire ed entrare dalla zona cambio entro il tempo di chiusura.

-L’atleta che non si presenta alla spunta iniziale è considerato squalificato e non può partire.

FRAZIONE NATATORIA

-Si può nuotare in qualsiasi stile.

-Vietato tagliare il percorso, pena squalifica.

-Le boe gialle indicano il percorso e devono essere superato nel corretto senso di marcia indicato dall’organizzazione.

-Le boe arancioni sono direzionali e possono essere superate indifferentemente a destra o sinistra.

-Scorrettezze palesi nei confronti degli avversari sono sanzionate.

-La cuffia di gara deve essere sempre indossata in modo che il numero sia visibile.

-Vietato abbandonare la cuffia o gli  occhiali fuori dalla zona cambio.

PRIMA TRANSIZIONE

-Prima di muovere la bicicletta dal supporto, il casco deve essere indossato.

-Vietato intralciare gli avversari nelle operazioni di cambio.

-Vietato passare sotto gli staggi porta bici.

-Vietato salire in bici prima della Linea di Salita, segnalata dal giudice addetto.

-Il pettorale deve essere indossato col numero visibile sulla schiena

FRAZIONE CICLISTICA

La scia è ammessa tra atleti dello stesso sesso.

-Vietato accodarsi in scia in caso di doppiaggio da parte di un atleta più veloce.

-Sorpasso consentito solo a sinistra, pena squalifica.

-Vietato gettare borracce, contenitori di integrator, indumentii e altri oggetti sul percorso.

-Scorrettezze palesi nei confronti degli avversari sono sanzionate.

-Si può pedalare con le scarpe da corsa.

-Le riparazioni dovranno essere fatte in autonomia, senza aiuto di avversari o esterni.

SECONDA TRANSIZIONE

Occorre mettere entrambi i piedi a terra prima della Linea di discesa, segnalata dal giudice.

-Attenzione a non sbagliare numero per riporre la bici.

-Vietato passare sotto gli staggi porta bici.

-Il numero deve essere girato in modo che sia visibile anteriormente

-Si può correre in zona cambio senza urtare o ostacolare gli avversari.

-Prima si appoggia la bici in modo corretto e poi si può slacciare il casco e riporlo sul manubrio o sotto la bici.

FRAZIONE PODISTICA

-Vietato correre senza scarpe.

-Vietato correre col casco in testa.

-Vietato aprire il body di gara sul petto, concesso sulla schiena.

-Vietato utilizzare pali, ringhiere o altro per facilitare le curve.

PER COMPLETEZZA, CONSULTARE IL REGOLAMENTO TECNICO FITRI